Fu iniziata nel 1885 lungo la via di accesso a Morolo da Angelo Maria Schiavi, zelante cittadino morolano, su terreno donato da Angelo Biondi; non fu mai ufficiata ne rifinita all’interno per la sopravvenuta morte del fondatore.